Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

La ginnastica ritmica in tempo di quarantena, la Super Coppa è… Smart. Terza la “Nastro d’oro”

Le allieve dell'associazione costiera, guidata da Erika Esposito, sul podio alla challenge "Distanti ma uniti" dell'Ente promozionale Opes

Lezioni on line, allenamenti, sudore e sacrifici che proseguono da casa. Insomma, in tempi di quarantena, anche la ginnastica ritmica diventa… Smart.
Lo sa bene l’Asd Ginnastica Nastro D’oro che, nonostante il digiuno forzato dalle palestre, continua con passione a tenere allenamenti online a tutte le allieve, dai corsi base fino a quelli agonistici. Una linea di condotta all’insegna della continuità, che ha permesso all’associazione costiera di accettare di aderire alla “challenge” di ginnastica ritmica Super Coppa “Distanti ma Uniti” promossa dall’Ente promozionale Opes.

Le allieve – con grande entusiasmo – hanno partecipato mettendo in mostra le loro abilità fisiche e tecniche. Una partecipazione non solo sportiva, poichè le ginnaste hanno inviato un commovente messaggio per riempire di speranza un periodo così difficile, che ci costringe all’isolamento e ci limita nei rapporti sociali.
Periodo che però non ha affievolito il loro amore verso lo sport.

A questa importante competizione hanno partecipato più di trenta associazioni in tutta Italia, più di duecento atlete hanno inviato i loro video e sono state effettuate più di 7mila “prese della palla”.

Da segnalare, il terzo gradino del podio, conquistato dalla squadra della “Ginnastica Nastro D’oro”, composta da Antonella Aversa, Alice Bagnasco, Claudia Branca, Maria Boccia, Giulia Cacace, Simona Cafiero, Valeria Carella, Martina De Rosa, Sara De Gregorio, Chiara Di Gregorio, Giulia Di Leva, Anna Esposito, Manuela Esposito, Simona Giordano, Lorenza Guida, Sofia Maresca, Alessandra Savarese, Chiara Starace, Mariangela Smith, Renata Smith, Rossana Ruocco e Luisa Starace.
Ciò dimostra quanto la palestra, le gare e il contatto con i tecnici e le compagne manchino a queste giovani atlete! Ma loro, non hanno dubbi: “Andrà tutto bene!”