martedì, Febbraio 27, 2024
HomePenisolaDon Mimmo Battaglia, il "prete di strada" succede al Cardinale Sepe: è...

Don Mimmo Battaglia, il “prete di strada” succede al Cardinale Sepe: è il nuovo arcivescovo di Napoli

Pubblicato il

Marcello Coppola Consulting

Qualche mese fa, il nostro sito web aveva raccontato della imminente nomina di un nuovo Vescovo a Napoli al posto del Cardinale Sepe, che dopo aver svolto i due anni di proroga va in pensione.

Oggi il Santo Padre Francesco, ha nominato don Domenico Battaglia Arcivescovo della diocesi di Napoli: bene, cerchiamo di conoscere meglio il nostro nuovo Metropolita.

Don Domenico Battaglia, che molti chiamano con semplicità don Mimmo, nasce a Satriano un piccolo paese della Calabria in provincia di Catanzaro e proprio nel seminario San Pio X del capoluogo calabrese inizia la sua formazione fino all’ordinazione sacerdotale avvenuta nel 1988.

Diversi sono i suoi incarichi come parroco, in diverse parrocchie, ma fin da subito il suo interesse si rivolge primariamente ai più poveri e per ben ventiquattro anni dal 1992 al 2016 gestisce un centro per il recupero delle persone tossicodipendenti chiamato Centro calabrese di solidarietà fino a diventare presidente della federazione italiana comunità terapeutiche.

Questo suo continuo donarsi ai poveri gli vale il soprannome di “prete di strada”, lui nei poveri vede il suo Signore e a lui Dio chiede un passo in più, infatti tramite la decisione di Papa Francesco viene consacrato Vescovo nel 2016 e inviato alla diocesi di Cerreto Sannita- Telese – Sant’Agata dei goti.

Per un vescovo il primo modo di presentarsi a Dio e agli uomini è la scelta del motto episcopale e don Mimmo ancora una volta ricordandosi dei suoi poveri sceglie “ Confide surge vocat te” tratto dal brano di Matteo che riguarda il cieco che sentendo passare Gesù lo chiama a gran voce.

Noi napoletani gli diamo il benvenuto nella nostra terra, una terra con degli uomini che piano piano imparerà ad amare e conoscere, anticipandogli che da noi di strada ce ne è tanta da percorrere ma che non sarà mai solo, con le nostre preghiere lo affidiamo alla materna protezione di Maria Santissima e di San Gennaro.
Noi fedeli napoletani siamo contenti di averlo tra noi e ringraziamo il Santo Padre che ha tanto a cuore la nostra terra, lanciandogli però un appello, sempre inginocchiati a lui e al bacio del suo piede, affinché doni a don Mimmo e a Napoli presto, anzi prestissimo anche la berretta Cardinalizia.

Salvatore Foggiano

Ultimi articoli

Piano.Non fitto ai B&B: è Fernando Maresca che parla non Giuseppe Arpino

Nel numero di Agorà oggi in edicola, per un involontario errore di impaginazione, è...

“Politelling – le storie che cambiano il mondo”: la nuova politica tra narrazione e comunicazione raccontata nell’ultimo libro di Pasquale Incarnato

Napoli – In un mondo in continua evoluzione, tra tecnologia e innovazione, anche lapolitica...

Invalsi. Le prospettive di Agenda Sud

Si terrà il prossimo martedì 27 febbraio, il seminario “I dati INVALSI per il...

Scompare Toni Savarese. E’ stato AD di Strega Alberti

Lutto per la famiglia Savarese di Vico Equense, nota per la gestione di strutture...

Articoli simili

Monopattino: da un piccolo veicolo derivano grandi responsabilità

Abbiamo preso in prestito una frase tipica dell’uomo ragno perché calzava a pennello. Gli italiani...

Ospedale unico, Atex fa appello al sindaco di S. Agnello: non si può perdere questa occasione

L'associazione Atex della Penisola sorrentina che rappresenta il settore extralberghiero ed è guidata a...

La scomparsa di Guido Pollice ed i legami con la Penisola

E' scomparso il Senatore Guido Pollice fino al 2021 presidente dell’Associazione Ambientalista Verdi Ambiente Società (VAS)...