martedì, Febbraio 27, 2024
HomeMassa LubrenseLa gioia del ritrovamento e la necessità di cancellare (o criptare) le...

La gioia del ritrovamento e la necessità di cancellare (o criptare) le immagini del volto del bambino di Nerano

Pubblicato il

Marcello Coppola Consulting

In preda all’angoscia di una notizia che non avremmo mai voluto ricevere – come quella dello smarrimento di un bambino di 3 anni -, abbiamo volontariamente derogato alle regole basilari di chi è chiamato a fare informazione.

Negli attimi spasmodici della ricerca, nelle ore (poche per fortuna) che sono servite per ritrovare, sano e salvo, il “piccolo di Nerano”, abbiamo tutti pubblicato consapevolmente – senza badare troppo ai fronzoli – nome, cognome e foto del minore. Informazioni e immagini che pure erano state debitamente autorizzate, ma che comunque necessitano – in genere – di tempo per verificarne l’origine, la paternità, le fonti.

L’abbiamo fatto seguendo il “protocollo del cuore”, perché c’era da perseguire un obiettivo decisamente superiore “alla forma”: chiamare a raccolta volontari e ritrovare un bambino. Se malauguratamente dovesse ripresentarsi una circostanza analoga, lo rifaremmo ancora, senza alcuna esitazione.

E siamo contenti che tante persone abbiano partecipato ad un’operazione che ha fatto riscoprire i valori più autentici di una comunità. E l’esaltazione finale, che ha accompagnato il ritrovamento del “piccolo di Nerano”, è giustificata, come è giustificato il diritto di informare, e di farlo – quando si tratta di minori e di aspetti “sensibili” – nelle modalità più “delicate” possibili.

Adesso, però, passato il peggio e passata la sbornia della “gioia”, sarebbe il caso di cancellare dalle nostre bacheche i video e le immagini che ritraggono con chiarezza il volto del bambino. Non quelli che testimoniano la ricerca e la festa, non quelli dove il “piccolo” è ripreso di spalle o da lontano, ma solo quelli dove il bambino è riconoscibile nei tratti del viso. Se proprio non si vogliono rimuovere interi file, sarebbe il caso di criptarne il volto, in modo da renderlo meno riconoscibile. Il motivo? E’ lo stesso che ci ha spinti, inizialmente, a derogare alle “regole”. Ossia: quello di tutelarlo.

Ultimi articoli

Piano.Non fitto ai B&B: è Fernando Maresca che parla non Giuseppe Arpino

Nel numero di Agorà oggi in edicola, per un involontario errore di impaginazione, è...

“Politelling – le storie che cambiano il mondo”: la nuova politica tra narrazione e comunicazione raccontata nell’ultimo libro di Pasquale Incarnato

Napoli – In un mondo in continua evoluzione, tra tecnologia e innovazione, anche lapolitica...

Invalsi. Le prospettive di Agenda Sud

Si terrà il prossimo martedì 27 febbraio, il seminario “I dati INVALSI per il...

Scompare Toni Savarese. E’ stato AD di Strega Alberti

Lutto per la famiglia Savarese di Vico Equense, nota per la gestione di strutture...

Articoli simili

S. Agata: cercasi addetto segreteria

Siamo alla ricerca di un Addetto alla Segreteria Amministrativa, sede di lavoro S. Agata...

Ufficio postale a S. Agata. Raffaele Lauro scrive a Poste Italiane. Risolto il problema

Problemi all'ufficio postale a S. Agata. Il Senatore Raffaele Lauro ha scritto all'amministratore delegato...

MASSA LUBRENSE. OTTIME NOTIZIE DA POSTE ITALIANE PER GLI UFFICI POSTALI DI SANT’AGATA. CONTINUA L’IMPEGNO DEL SENATORE RAFFAELE LAURO

Gentile dottor Giannelli, nel mentre vivamente La ringrazio, come ringrazio l’Amministratore Delegato, dottor Del Fante,...