Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Housing sociale. Avviso conclusione indagini.Sagristani: vicino alle famiglie, confido nella giustizia

Abuso d’ufficio e falso le ipotesi di reato al centro dell'inchiesta

 

Il sindaco di  S.Agnello, Piergiorgio  Sagristani, ha dato notizia delle evoluzioni nell’ambito dell’ indagine sull’housing sociale.

La Procura della Repubblica  di Torre Annunziata ha notificato l’avviso  conclusione indagini e precisato le ipotesi di reato: abuso d’ufficio e falso.

Il commento del primo cittadino affidato al proprio  profilo Facebook che di seguito riportiamo

Oggi mi è stato notificato un avviso di conclusione indagini – insieme ad altri amministratori, tecnici comunali  e tecnici precedentemente incaricati dalle stesse forze dell’ordine – per il procedimento inerente la realizzazione dell’housing sociale in Via M. B. Gargiulo a S. Agnello. La contestazione riguarda l’ipotesi di abuso d’ufficio e falso.

E’ la terza volta che,  nel corso della mia vita amministrativa, ricevo una comunicazione di questo tipo.

Mi è già capitato, in un caso, per aver disposto un trattamento sanitario obbligatorio ed, in altra occasione, per aver fatto recuperare risorse al Comune mediante la cessione di un credito non riscosso.
In entrambi i casi, la mia posizione è stata archiviata in fase istruttoria.
In questa occasione non so quali saranno le valutazioni della magistratura che rispetto ed in cui ripongo la massima fiducia.
Davanti alla pubblica opinione ed alla mia comunità posso dire che, in questa vicenda, mi ha guidato il contegno di sempre : porre al centro dell’azione amministrativa l’interesse generale e la realizzazione di opere per i cittadini con trasparenza ed assoluta onestà.

Nello specifico, abbiamo approvato un progetto per dare un’abitazione a chi non l’aveva, supportati da tutti i pareri tecnici e legali, con una selezione improntata a criteri di trasparenza e pubblicità e recuperando alla pubblica fruizione uno storico agrumeto, a costo zero per le casse comunali.

Dal primo momento, ho condiviso, almeno in parte, la sofferenza che hanno vissuto e stanno vivendo le famiglie che hanno acquistato l’abitazione nel complesso dell’housing sociale  e ne sono prive.

Da oggi avremo la possibilità di discutere nel merito del procedimento, facendo presente le ragioni che hanno orientato i nostri atti.

Confermo, quello che abbiamo sempre detto: queste persone non saranno lasciate sole ed alla fine, comunque si concluda questa vicenda, vedranno soddisfatta la loro sete di giustizia e verità.

Continuo a lavorare nell’interesse della mia comunità, nella consapevolezza di avere agito con trasparenza e guidato dalla volontà di far bene, confido nella magistratura e nella giustizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *