Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Bilancio rinviato. Manca il numero legale. Defezioni nella maggioranza. Pesa la chiusura de “Le Ancore”

Il consiglio comunale non ha approvato il Bilancio nella seduta di martedì scorso. Motivo? La minoranza ha abbandonato l’aula e la maggioranza non è stata in grado di garantire il numero legale. Assenti: Salvatore Guida, Carolina Apuzzo e Federica Leone ( quest’ultima arrivata subito dopo l’appello).

 

Senza l’approvazione del Bilancio c’è lo scioglimento del consiglio comunale. Una ipotesi paradossale a due mesi dal voto.

 

I termini per deliberare il documento contabile sono scaduti il 31 luglio, ci sono ulteriori 20 giorni. Entro questo tempo il consiglio deve riunirsi e trovare la quadra.

Perché sono mancati i consiglieri di maggioranza?

Possibile ci siano stati dissapori acuiti nell’ultimo periodo. Tra questi, senza dubbio, la chiusura de “Le Ancore” il lounge bar e ristorante alla Marina di Aequa ha, di certo,  fatto crescere le fibrillazioni. A conferma di questo clima c’è stata la dichiarazione dell’ingegnere Antonio Savarese, imprenditore noto e con una solida e storica presenza alla marina di Seiano che, a proposito della chiusura de “Le Ancore”, in una intervista video a vicoequenseonline ha parlato di grave incapacità dell’Amministrazione cittadina. Senza però entrare nel dettaglio della vicenda che ha portato alla chiusura della struttura. Da quello che ci risulta per la gara di aggiudicazione dell’area demaniale su cui sorge “Le Ancore”, è stata stilata una prima graduatoria  che ha escluso lo storico  soggetto gestore, poi c’è stato un ricorso in opposizione che ha portato l’ufficio a rivedere il criterio di aggiudicazione con l’assegnazione dell’area agli operatori che da tempo la gestiscono ed, infine, un ricorso al Tar che, in via cautelare, ha ribaltato tutto, annullando il provvedimento del Comune. Tale decisione è stata confermata dal Consiglio di Stato.

Dalle parole dell’ingegnere Savarese la critica di fondo  all’Amministrazione è la seguente: perché fare una gara per assegnare l’area  quando la norma – a causa dell’emergenza covid – consentiva di posticipare tutto?

Questa vicenda sembra aver avuto un peso nella mancata approvazione  del bilancio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *