martedì, Febbraio 27, 2024
HomeSorrentoAssegno unico per gli anziani. Tutte le novità

Assegno unico per gli anziani. Tutte le novità

Pubblicato il

Marcello Coppola Consulting

L’intervento del Dottor Antonio Coppola (Garante diritti persone anziane Sorrento)

La legge 33/2023 introduce un assegno universale per anziani non autosufficienti, riordina le agevolazioni fiscali e contributive e migliora l’assistenza.

Cos’è l’assegno universale per gli anziani non autosufficienti?

L’assegno universale per gli anziani non autosufficienti è una prestazione economica che la legge 33/2023 prevede di introdurre, in via sperimentale e progressiva, per oltre 2,8 milioni di anziani non autosufficienti in Italia. Questa prestazione non sarà legata al reddito, ma erogata in base allo specifico bisogno assistenziale, e potrà essere scelta dal beneficiario sotto forma di denaro o servizi.

La recente introduzione dell’assegno universale per gli anziani non autosufficienti cancella l’assegno di accompagnamento erogato dall’Inps ma rappresenta una svolta per le famiglie italiane che si trovano ad affrontare le difficoltà legate all’assistenza dei propri cari. La nuova legge delega 33/2023, in vigore dal 31 marzo, introduce importanti novità al fine di migliorare le condizioni di vita degli anziani e delle loro famiglie, garantendo un sostegno economico e una migliore organizzazione dei servizi di assistenza.

La legge è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 76 del 30 marzo 2023.

L’assegno universale sarà inizialmente destinato ai 1,4 milioni di anziani non autosufficienti che già percepiscono l’indennità di accompagnamento, pari per il 2023 a 527,16 euro mensili.

L’indennità di accompagnamento verrà assorbita dalla nuova prestazione.

Quali sono i presupposti sanitari per accedere all’assegno universale?

I presupposti sanitari per l’indennità di accompagnamento resteranno immutati: l’impossibilità di svolgere autonomamente gli atti della vita quotidiana. Tuttavia, l’articolo 4 della legge delega prevede una semplificazione e integrazione delle procedure di accertamento e valutazione della non autosufficienza, favorendo la riunificazione dei procedimenti in capo a un solo soggetto su tutto il territorio nazionale.

Come si valuta la non autosufficienza dell’anziano?

Un aspetto centrale della legge delega riguarda la valutazione multidimensionale della persona anziana, che prevede la presa in carico dell’individuo presso i Punti unici di accesso (Pua) per la definizione di un Piano assistenziale individualizzato (Pia), al fine di accertare i suoi bisogni sanitari e socio assistenziali.La Legge per tutti

Quali sono le novità in materia di agevolazioni contributive e fiscali?

La legge 33/2023 prevede una ricognizione e riordino delle agevolazioni contributive e fiscali, anche attraverso la rimodulazione delle aliquote e dei termini di durata delle agevolazioni stesse. L’obiettivo è regolarizzare il lavoro di cura prestato da badanti al domicilio della persona non autosufficiente, con percorsi formativi specifici per lo svolgimento di questa attività professionale.

 Quali i presupposti sanitari per accedere all’assegno universale?

I presupposti sanitari per l’indennità di accompagnamento resteranno immutati: l’impossibilità di svolgere autonomamente gli atti della vita quotidiana. Tuttavia, l’articolo 4 della legge delega prevede una semplificazione e integrazione delle procedure di accertamento e valutazione della non autosufficienza, favorendo la riunificazione dei procedimenti in capo a un solo soggetto su tutto il territorio nazionale.

Quali sono le novità in materia di agevolazioni contributive e fiscali?

La legge 33/2023 prevede una ricognizione e riordino delle agevolazioni contributive e fiscali, anche attraverso la rimodulazione delle aliquote e dei termini di durata delle agevolazioni stesse. L’obiettivo è regolarizzare il lavoro di cura prestato da badanti al domicilio della persona non autosufficiente, con percorsi formativi specifici per lo svolgimento di questa attività professi

La legge 33/2023 presta particolare attenzione anche alle condizioni di vita dei caregiver familiari, ovvero coloro che si occupano dell’assistenza dei propri familiari non autosufficienti. Sono previsti interventi diretti alla certificazione delle competenze professionali acquisite durante l’esperienza maturata e forme di partecipazione nell’ambito della programmazione sociale, sociosanitaria e sanitaria a livello nazionale, regionale.

Dottor Antonio Coppola

Ultimi articoli

Piano.Non fitto ai B&B: è Fernando Maresca che parla non Giuseppe Arpino

Nel numero di Agorà oggi in edicola, per un involontario errore di impaginazione, è...

“Politelling – le storie che cambiano il mondo”: la nuova politica tra narrazione e comunicazione raccontata nell’ultimo libro di Pasquale Incarnato

Napoli – In un mondo in continua evoluzione, tra tecnologia e innovazione, anche lapolitica...

Invalsi. Le prospettive di Agenda Sud

Si terrà il prossimo martedì 27 febbraio, il seminario “I dati INVALSI per il...

Scompare Toni Savarese. E’ stato AD di Strega Alberti

Lutto per la famiglia Savarese di Vico Equense, nota per la gestione di strutture...

Articoli simili

Luigi Di Prisco non ha aderito ad Italia Viva. Precisazione di Tony Cocorullo, Presidente del partito di Renzi in Penisola sorrentina

Nell'intervista al presidente di Italia Viva in Penisola sorrentina, Tony Cocorullo, pubblicata sull'ultimo...

Devastata l’auto dell’Assessore Eduardo Fiorentino. La dichiarazione del Presidente dei VAS Stefano Zuppello

Dichiarazione del Presidente VAS Stefano Zuppello: “Quesi atti non ci fermeranno” L'assessore alle politiche giovanili,...

La sorrentina Valentina Stinga presidente di Coldiretti Napoli

Valentina Stinga è stata eletta Presidente Coldiretti Napoli per il prossimo quinquennio. L' elezione si...