Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Vincenzo Iaccarino “ringrazia” Casapound, ma sui social monta la protesta

Al Sindaco Vincenzo Iaccarino sono bastati alcuni scatti con il suo inseparabile telefonino per creare un nuovo caso. Alcuni scatti accompagnati da un post del seguente tenore…

Giornata ecologica Marina di Cassano: 28 maggio 2017: Penisola Verde Luigi Cuomo – volontari Casapound – sub Centro subacqueo Torre del Greco Michele Amodio.

Passano pochi minuti e assieme ai rituali like, tra cui quelli “istituzionali” del Consigliere di maggioranza Marco d’Esposito e del rappresentante dei commercianti Gianluca Di Carmine, iniziano a piovere le prime proteste.

A lamentarsi inizialmente sono cittadini comuni. Uno di loro invita il Sindaco addirittura a dissociarsi…

Leggo Casapound…Dott .Iaccarino non sente almeno un minimo di vergogna a citare,lodare questi residui di fascismo e razzismo? Casapound che ha espresso feroci giudizi sulla Chiesa sorrentina che ospita migranti…da buon cristiano si dissoci chiaramente.

Qualche altro ci va giù in maniera un po’ più pesante…

Davvero i fascistoni di Casapound?Embè…hanno dato un senso alla loro esistenza pulendo i fondali …può essere che si redimano…😉

C’è poi chi prova a difendere le parole di Iaccarino ed evidenzia…

Almeno loro lo hanno fatto,siamo rimasti indietro di anni,con il fascismo,solo perché hanno i loro ideali.bhoo.io gli dico grazie ragazzi.

Fino a quando non arriva il dottor Erminio Liguori, Mimmo.

Liguori, cardiologo come Iaccarino con un passato nel PCI e persino da Consigliere comunale a Piano di Sorrento. Il dottore apostrofa malamente i Casapound.

La discussione si infiamma così interviene anche un altro esponente politico del passato carottese, il dottor Torquato Galasso che prova nuovamente a smorzare…

Perché tante polemiche sterili verso un gruppo di volontari che, indipendentemente dal loro colore politico, hanno reso un servigio alla collettività? Ha fatto bene il Sindaco, per onestà intellettuale, a citare tutti i gruppi che vi hanno preso parte.

A rispondere a Galasso sono ancora alcuni cittadini che evidenziano…

Caro Torquato il problema sara del tutto del sindaco,visto lo sconsiderato attacco fatto da Casapound nei riguardi della Curia sul tema migranti. I volontari vanno,ma senza connotazioni politiche,soprattutto se esprimono idee di estrema destra.

Poi è nuovamente il dottor Liguori a dire la sua…

Sono loro che si sono qualificati, non li abbiamo qualificati noi. Se fai volontariato lo fai indipendentemente dalle tue posizioni politiche. Invece questi hanno voluto mettere il cappello sulla sedia.

Iaccarino, a differenza che per il passato, non interviene più. Lascia che il dibattito prosegua e che scivoli su binari più ideologici.

Intanto un’altra stoccata arriva sotto un altro post simile. Un post pubblicato sempre dal Primo cittadino. A sorpresa ai commenti enfatici della rappresentante della Grande Onda Laura Cuomo e dell’onnipresente Vincenzo Califano, si aggiunge quello di un altro comune cittadino. Una nuova lamentela…

Si ma sto fatto di coinvolgere frange politiche con l’intento di auto promuoversi non va bene …. sono rimasto un po deluso ….

Intanto la polemica esce dalla pagina del Sindaco Vincenzo Iaccarino e si espande sulla rete. Esce persino dal confine di Piano di Sorrento. Piovono le critiche. Si arriva persino all’accorato appello di qualche storico frequentatore dei social che così scrive…

 

Quelli di Casapound, dal canto loro non si scompongono e sulla loro pagina pubblicano un post in cui spiegano il senso della loro partecipazione. Senza cadere in alcuna provocazione.

Anche stamattina i militanti di Casapound Penisola Sorrentina si sono adoperati per la riqualifica e la bonifica della spiaggia, della banchina e del fondale della Marina di Cassano, a Piano di Sorrento.
Il nucleo ha provveduto a sgomberare la zona da materiali ingombranti, inquinanti e degradanti per il luogo.
Siamo e saremo sempre presenti lì dove il territorio o i cittadini lo necessitino.
Siamo quello che facciamo.

Scelgono la strada del silenzio, invece, gli esponenti politici locali “in carica”. Nessun commento, almeno per ora. Né dai partners della maggioranza di Iaccarino (PD compreso), né dai rappresentanti della minoranza.