Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Piano. Mozione sui vaccini del gruppo “Podemos”

Nell’ultimo consiglio comunale di Piano di Sorrento il gruppo “Podemos” ha presentato un ordine del giorno sulle vaccinazioni nel centro istituito a Piano presso “Villa Fondi” a servizio dei Comuni di Meta, Sorrento e Piano appunto. Nell’articolo pubblicato sul  numero in edicola del settimanale Agorà, la mozione è stata erroneamente attribuita ad altro gruppo di minoranza, di ciò ci scusiamo con i lettori ed i diretti interessati. Intanto, riportiamo il testo della mozione discussa nell’ultima seduta

 

La vaccinazione anti-Covid19 rappresenta l’arma più importante che la popolazione ha a disposizione per affrontare e cercare di abbattere la pandemia virale in atto.

La Penisola Sorrentina, per il ruolo fondamentale che riveste nel campo del turismo e dell’economia della Campania, ha assunto come obiettivo quello di diventare territorio “Covid-free” e per questo c’è necessità di essere il più possibile celeri ed esaustivi nella vaccinazione dei cittadini.

Nei prossimi mesi ci sarà un incremento della fornitura delle dosi di vaccino ed un maggiore reclutamento di personale addetto alle vaccinazioni, con conseguente notevole aumento delle dosi da somministrare pro die.

L’incremento delle somministrazioni comporterà maggiore afflusso di persone e veicoli e conseguente necessità di maggiori spazi utili al distanziamento sociale ed al parcheggio delle vetture.

Attualmente le vaccinazioni ai cittadini dei Comuni peninsulari di Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello e Sorrento vengono esclusivamente effettuate presso la struttura comunale “villa Fondi” di Piano di Sorrento.

La campagna vaccinale si protrarrà, con tutta probabilità, per tutto il periodo dell’anno in corso.

La struttura di villa Fondi ha costituito, negli ultimi anni, sede di importanti e partecipati eventi pubblici, e “location” ideale e redditizia per matrimoni e ricevimenti simili.

Sul territorio comunale della nostra cittadina ( così come negli altri Comuni) ci sono varie altre strutture, pubbliche o private, che possono essere utilizzate come sede per le vaccinazioni (ad es. centro polifunzionale, mercato ortofrutticolo, edifici scolastici in mancanza di lezioni in presenza, ecc).

 

  Non si comprende il motivo per cui è stata scelta un’unica sede vaccinale sul territorio peninsulare, a servizio di 4 città, piuttosto che individuare altre strutture utili allo scopo e rendere più agevole e sicura, e meno impegnativa per un solo Comune, l’operazione di somministrazione del farmaco.

 

Per quanto rappresentato si chiede di inserire il seguente punto all’ordine del Giorno del  Consiglio comunale con prevista discussione e votazione:

richiesta di incontro e confronto con gli amministratori degli altri Comuni della Penisola sulla possibilità di individuare siti alternativi sul territorio peninsulare da destinare ad una più congrua campagna vaccinale, in termini di agibilità, celerità e sicurezza.

Tale diversificazione del servizio potrebbe altresì rendere disponibili importanti spazi nella sede di villa Fondi, da utilizzare per eventi già programmati e cerimonie già prenotate, in modo da non recare ulteriore danno culturale ed economico alla cittadinanza, in un periodo già segnato da profonda crisi generale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *