Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

L’ospedale di Boscotrecase dedicato all’emergenza Coronavirus

Sospese tutte le altre attività del presidio trasferite a Torre, C. Mare e Penisola

l direttore generale Gennaro Sosto firma la delibera che riorganizza le attività ospedaliere sul territorio aziendale
Sulla base delle normative in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 la direzione strategica Asl Napoli 3 Sud, con una delibera urgente, ha adottato e resa operativa la riorganizzazione delle attività ospedaliere sull’intero territorio aziendale.
Al centro del provvedimento la trasformazione del presidio di Boscotrecase in Covid hospital Asl Napoli 3 Sud.

La scelta è stata dettata da precise valutazioni tecniche. La struttura permetterà di poter allocare 20 posti letto di terapia intensiva, almeno 30 trenta di terapia sub intensiva e 20 di pneumologia, tutti dedicati ai pazienti affetti da covid 19.
Boscotrecase ha, prontamente utilizzabili ai fini della terapia intensiva, tre camere operatorie e, dopo una verifica dei ventilatori, anche due punti risveglio; ha già la predisposizione per le apparecchiature di ventilazione invasiva nelle cinque postazioni Utic (unità di terapia intensiva coronarica) dove sono già presenti i monitor multi parametrici con possibilità ulteriore di allestire gli ambienti attualmente occupati dalla oculistica che antecedentemente erano già stati individuati per terapia intensiva.

Nell’ambito dei locali del pronto soccorso sono presenti ed ulteriormente realizzabili ambienti per l’isolamento.
La trasformazione ha determinato la chiusura delle attività del pronto soccorso che sono state dirottate a Torre del Greco (emergenze medico chirurgiche) e Castellammare di Stabia (emergenze urgenze cardiologiche, ortopediche, neurologiche). Le attività di pediatria presso i pronto soccorso di Castellammare e Vico Equense.

Il personale medico ed infermieristico dei servizi di terapia intensiva e rianimazione o comunque di emergenza urgenza di Castellamare, di Nola e di Sorrento svolgerà attività di affiancamento agli anestesisti ed infermieri di Boscotrecase e Torre del Greco per la gestione dei pazienti.
I chirurghi di Boscotrecase vanno a rafforzare il personale di Torre del Greco per le prestazioni chirurgiche di emergenza urgenza e a collaborare al pronto soccorso; ortopedici, pediatri, cardiologi e altri specialisti vanno ad affiancare gli organici di Castellammare e degli altri presidi Asl Napoli 3 Sud.

Con la stessa delibera la direzione Asl predispone lo stabilimento di Pollena Trocchia quale secondo Covid hospital nel caso il solo presidio di Boscotrecase per alto afflusso di pazienti o per il mancato contenimento dell’epidemia non fosse sufficiente.

Tutte le Unità di Pronto Soccorso degli altri Presidi Ospedalieri dell’Azienda e quindi anche Sorrento in questa prima fase accoglieranno i casi sospetti covid-19 in percorsi idonei di triage e d’isolamento. In caso di patologia sintomatica Covid + dopo tampone, trasferiti presso il Polo di Boscotrecase.
È comunque in fase di allestimento presso il nostro Ospedale un reparto di subintensiva pronto per essere attivato in una seconda fase nel caso in cui non riuscissimo a contenere il contagio e la diffusione del virus.

Per quanto riguardo opzioni riguardanti l’utilizzo di strutture private non attrezzate e non idonee ad ospitare e trattare pazienti Covid19 positivi che necessitano di personale medico infermieristico formato ed adeguato deciderà Protezione Civile Regionale insieme ai Vertici Regionali ed alle Asl di competenza.

(Comunicato ASL – Na 3 Sud)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *