Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Stazione Sant’Agnello. Ok dalla Soprintendenza

Alfonso Longobardi: "Sempre più vicini al restyling"

Il restyling e la messa in sicurezza della stazione di Sant’Agnello sono sempre più vicini. A comunicarlo, il consigliere regionale della Campania, Alfonso Longobardi, vicepresidente della commissione Bilancio. «Abbiamo compiuto un altro fondamentale passo in avanti per il rifacimento e la messa in sicurezza della stazione di Sant’Agnello – annuncia Longobardi -. La Soprintendenza ha espresso parere favorevole al progetto che così come presentato risponde ai requisiti paesaggistici previsti e rispetta tutti i vincoli di legge in vigore. Con gli amici dell’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Piergiorgio Sagristani e con l’Eav, che ringrazio pubblicamente, stiamo seguendo il progetto di rifacimento della stazione che come è noto a tutti va messa in sicurezza. 
Da tempo abbiamo rese disponibili le risorse necessarie, che ammontano a 1,2 milioni di euro circa, ed in Regione sto monitorando le ulteriori autorizzazioni richieste, a cominciare da quella del genio civile. 
Possiamo dunque essere ottimisti perché a breve si potranno avviare gli interventi necessari a superare tutte le attuali condizioni di pericolo e degrado in cui versa una delle più importanti porte di ingresso della Penisola Sorrentina: la stazione della vesuviana di Sant’Agnello viene ogni giorno utilizzata da migliaia di cittadini, pendolari e turisti. 
Grazie alla sinergia istituzionale che ho promosso da tempo, con i tecnici del Comune, dell’Eav, della Regione Campania, della Soprintendenza, abbiamo intrapreso una collaborazione fondamentale per arrivare al comune risultato di mettere in sicurezza la stazione. 
Naturalmente, dopo l’importantissimo parere favorevole giunto dalla Soprintendenza, nel pieno rispetto delle norme urbanistiche ed in particolare dei vincoli del P.U.T., possiamo concretamente arrivare all’obiettivo finale senza ovviamente che vengano modificate né le volumetrie né lo stato dei luoghi originari, ma garantendo il rifacimento e la messa in sicurezza della stazione circumvesuviana di Sant’Agnello».