martedì, Maggio 30, 2023
HomeVico EquenseLa Teca “Quarto Savona 15” per due giorni a Vico Equense

La Teca “Quarto Savona 15” per due giorni a Vico Equense

Pubblicato il

Marcello Coppola Consulting

Aiello: “Così tramandiamo i giusti valori di democrazia, libertà e legalità”

Presente anche Tina Montinaro: “La mafia non ci ha fatto niente”

“La mafia non ci ha fatto niente”. E’ il passaggio più significativo della cerimonia di questa mattina, tenutasi a Vico Equense.

La città ospiterà per due giorni l’immagina italiana più iconica della lotta alla mafia. La teca “Quarto Savona 15” contenente i resti dell’auto sulla quale viaggiava il giudice Giovanni Falcone sarà esposta fino a domani in Piazzale Siani.

Centinaia di persone, ragazzi, studenti, autorità, hanno presenziato all’evento organizzato dalla Città di Vico Equense, in collaborazione con la sezione cittadina della Lega Navale Italiana.

A fare gli onori di casa è stato il sindaco Peppe Aiello: “Ringrazio tutti quelli che hanno collaborato per questa iniziativa, ma soprattutto Tina Montinaro e della sua capacità di trasformare una tragedia in un’opportunità per tutti noi. Abbiamo il dovere di ricordare a chi opera nelle istituzioni, me per primo, che la nostra responsabilità è doppia proprio per l’autorevolezza e l’alta disciplina civile che il nostro ruolo ci impone. A noi il compito di riscattare chi nel passato ha pagato per la propria passione civile. A noi il dovere di fare la nostra parte e dire a chi ordinato la morte di un magistrato e di una squadra per dimostrare la forza della criminalità che hanno fallito. Noi siamo qui, ancora, a dire che non ce la faranno. La testimonianza di quelle vittime è viva e continuerà a vivere attraverso di noi, attraverso i nostri piccoli, i nostri ragazzi, ai quali tramandare i giusti valori di democrazia e libertà e legalità”.

Alla cerimonia ha partecipato anche il vicario del Questore di Napoli Riccardo Caccianini, il viceprefetto di Napoli Fabiola De Feo e il presidente del tribunale di Torre Annunziata Ernesto Aghina.

“Ho avuto una grande fortuna ad essere stata vicina a un poliziotto così coraggioso come mio marito – ha esordito Tina Montinaro –. In tutti questi anni ho capito che la mafia non ci ha fatto niente, non hanno vinto loro. Continuiamo ad andare avanti per insegnare ai più giovani i valori più alti per i quali vivere. Per far sì che non si permetta più a chi esce di casa per compiere il proprio dovere poi non ritorni tra i suoi affetti. Ecco perché quando si guarda della teca, non ci osservano sono solo i resti dell’auto di Falcone. Si tiene a memoria che lì dentro ci sono famiglie che hanno dato la vita per proteggere lo Stato”.

Ultimi articoli

Il sindaco Coppola a Nizza. Sorrento punta al mercato turistico francese

Due giorni di incontri in Costa Azzurra, tra Cannes e Nizza, con rappresentanti delle...

Al Liceo Marone arriva l’assessore regionale alla scuola Lucia Fortini

Dopo il console di Francia, Lise Moutoumalaya, arriva al P.V. Marone di Meta anche...

S. Agnello. Nuova giunta: Maria Russo vice-sindaco. Assessori i più votati

Si è concluso da poco il primo consiglio comunale a Sant’Agnello. Il sindaco neo...

Articoli simili

Lavori Terna centrale Arola. I residenti: traffico e disagi: non reggiamo più

Un gruppo di cittadini, riuniti in comitato, ha deciso di rendere pubblico la condizione...

Vico: c’è un pacco e servono soldi. Tentativi di truffa telefonica in corso

Telefonano a casa di persone anziane e chiedono soldi o preziosi a garanzia di...

L’istituto Comprensivo “G. B. DELLA PORTA ” al Comicon 2023

Il 28 Aprile 2023 le classi 1 C, 2 D e 3 A della...