Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Dramma, suspense e speranza: è Paradox, il libro della “sorrentina” Adriana Moccia

La presentazione, domenica 25 giugno al Grand Hotel La Pace di Sant’Agnello

Lunghi capelli castani e grandi occhi nocciola. Amanda Evans è una diciassettenne nata e cresciuta in California. Vittima di tragici eventi, perde i genitori ed è costretta a trasferirsi da suo zio Vincent, uno stimato avvocato che vive in Italia. Amanda cade in una pericolosa depressione che la induce a isolarsi dal mondo. Successivamente iniziano ad accaderle vicende inspiegabili e spaventose, finché, un giorno, arriva a scuola Roberto: un nuovo studente dai lineamenti perfetti e gli occhi color ghiaccio. Da quel momento la vita di Amanda prende una svolta. Quando è con lui riesce a mettere da parte le sofferenze e i ricordi dolorosi. Ben presto però capisce che Roberto nasconde un segreto. Le anime dei due protagonisti sono legate da una missione che lui deve compiere: salvare Amanda da un pericoloso destino. Tuttavia la scelta di stare insieme metterà in pericolo entrambi, conducendoli in un costante bilico tra la vita e la morte.

E’ la trama di Paradox, racconto drammatico e colmo di suspense, che vede due ragazzi legati da un amore che li salva e li distrugge nello stesso tempo, ma è anche una storia di speranza per i protagonisti che, tramite un percorso psicologico e spirituale riescono a riassaporare la perduta gioia di vivere.

Il libro, che sarà presentato domenica 25 giugno ore 19 nella suggestiva location del Grand Hotel La Pace di Sant’Agnello, è un’opera partorita dalla “penna” della sorrentina Adriana Moccia, classe 1990. L’autrice, che “ama la musica e adora cantare”, studia recitazione e cinematografia.

La lettura e la scrittura sono il suo rifugio e il cinema il suo mondo. Ha scritto Paradox (dedicato al cugino Roberto, stroncato poco tempo fa da una grave malattia) sviluppandolo con un occhio più da regista che da scrittrice.
Si definisce estremamente fantasiosa ed empatica. Questi due aggettivi che la caratterizzano sono stati l’impulso per l’ideazione e la pubblicazione di Paradox. La parte empatica di sé, invece, ama far emozionare le persone, e spera che con Paradox ci sia riuscita.

La serata di domenica sarà così sviluppata: alle 19, l’intervista all’autrice Adriana Moccia. Alle 19:30, il buffet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *